Castello di Fonterutoli Mazzei: Siepi 1999

L’azienda Castello di Fonterutoli si trova nel comune di Castellina in Chianti in provincia di Siena ed è gestita dalla famiglia Mazzei. 

Un legame indissolubile unisce, da molti secoli, la famiglia Mazzei, la Toscana e il vino. Infatti per tornare alle origini bisogna andare indietro nel tempo fino al 1398 quando Ser Lapo Mazzei fu l’autore del primo documento conosciuto per l’uso della denominazione “Chianti”; in seguito, nel 1435, quando sua nipote Madonna Smeralda Mazzei sposa Piero di Agnolo da Fonterutoli, la tenuta diventa patrimonio di famiglia e così sono ben 24 generazioni che i Mazzei producono grandi vini.

La bottiglia in questione è il Siepi Toscana IGT annata 1999 che ho acquistato da un mio amico. Non mi importava che l’etichetta fosse rovinata, ero curioso di assaggiarlo e se ancora in perfette condizioni, condividerlo con i miei amici, quindi ho preferito spillarne solo un bicchiere con il Coravin.

Nasce da un unico appezzamento di terreno di 6 ettari e da due tipi di uvaggi in diverse percentuali: 50% Merlot e 50% sangiovese. Nell’anno 1999 la raccolta iniziò il 7 Settembre per il Merlot e dopo 20 giorni per Sangiovese, anche il tempo di macerazione fu differente: 18 giorni per il merlot e 21 giorni per il sangiovese, per poi maturare dai 16 ai 18 mesi in piccoli fusti di rovere francese da 228 lt, imbottigliato a Giugno 2001 e commercializzato dopo otto mesi.

Spillato alle ore 18:00 e bevuto alle ore 20:30, il vino nel calice presentava un bel colore rosso granato, al naso era in constante evoluzione con maggiori note terziare come fiori rossi appassiti, frutta rossa matura, sentori di cioccolato fondente, cuoio, tabacco, fondo di caffè e note tostate. Al sorso è stata una vera sorpresa perché presentava ancora un bel tannino polveroso ma vigoroso, un vino che ad ogni sorso esprime sempre di più le sue caratteristiche, potevo anche abbinarlo ad una pietanza, ma ho deciso di berlo assoluto,  senza cibo, ed è stato semplicemente fantastico!

Questo vino in bottiglia in tutti questi anni è migliorato in un modo esponenziale, un mix di eleganza, persistenza e intensità, una vera eccellenza italiana! 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.