Life of Wine 2017: Passione per le vecchie annate.

Domenica 29 Ottobre, a Roma presso l’Hotel Radisson blu, ho partecipato a un’interessante manifestazione, denominata “Life Of Wine”, diversa da tutte le altre poiché i produttori provenienti da tutta Italia, hanno portato in degustazione, oltre all’ultima annata in commercio, anche alcune delle vecchie annate più rappresentative della loro azienda; erano presenti 60 cantine con più di 130 vecchie annate. È la prima volta che partecipo a questo evento e la sensazione che ho avuto è stata di vero piacere! Davvero interessante è stato conoscere i produttori e confrontarsi con loro, ascoltando le loro storie e i metodi di produzione che portano alla creazione di questi grandi vini. Ad ogni banco d’assaggio sembrava di tornare indietro nel tempo, c’erano addirittura dei produttori con vini di annate introvabili, solo per citarne alcuni: il Fiorano 1990  e il Salcheto  Nobile  di Montepulciano 1997. 

Sono un amante del vino invecchiato perché, molto più di quelli giovani, riesce ad esprimere emozioni e sentori unici ed è veramente interessante mettere a confronto grandi vini partendo dall’annata più recente, fino ad arrivare a quelle più datate, anche con più di venti anni di invecchiamento, in modo tale da constatarne l’evoluzione.

Ci sono solo due cose che avrei migliorato e che possono essere di aiuto agli organizzatori per il prossimo evento: la prima è che la sala era leggermente poco capiente in base alle persone che si sono presentate alla manifestazione, anche se devo dire che è stato fatto un grande lavoro di selezione; la seconda è che all’ingresso è stato consegnato solo il calice ma non la tracolla quindi a volte qualcuno perdeva il proprio bicchiere! Comunque, al di là di questi due piccoli accorgimenti, Life of wine è un evento dove secondo il mio parere vale la pena partecipare almeno una volta nella vita! 

Di seguito troverete tutte le foto della manifestazione… buona visione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.