Gorgona Costa Toscana igt: un vino che dona un futuro migliore!

Oggi parleremo di un vino molto speciale: il Gorgona costa toscana igt, annata 2018, prodotto sulla piccola isola da cui prende il nome. L’isola di Gorgona è situata nel Mar Ligure, davanti a Livorno, a 34 km dalla costa; insieme alle isole di Pianosa, Elba, Giglio, Capraia, Montecristo e Giannutri costituisce il Parco nazionale dell’arcipelago toscano e con i suoi 220 ettari di superficie è la più piccola tra queste. Essa è sede di un penitenziario dove i detenuti scontano l’ultimo periodo di pena, impiegati in varie attività lavorative con lo scopo di sviluppare delle abilità e conoscenze che potranno mettere in pratica una volta reinseriti nella società.

Il vino in questione nasce appunto da un progetto divenuto realtà nell’agosto del 2012 grazie alla cooperazione tra la storica famiglia toscana Frescobaldi e la casa di reclusione dell’isola di Gorgona. Agronomi ed enologi hanno lavorato insieme ai detenuti su una vigna piantata nell’anno 1999 che ad oggi conta un’estensione di 2 ettari e produce due tipologie di uva: ansonica e vermentino le quali grazie al clima mediterraneo riescono ad esprimersi al meglio. Questo progetto, dunque, ha lo scopo di istruire i detenuti alla viticultura e a tutto ciò che concerne il mondo del vino, con l’obiettivo di creare per loro un futuro sociale e lavorativo migliore

La bottiglia si presenta molto bene con degli elementi particolari che la rendono elegante e unica. Il collo, invece della tradizionale capsula, è avvolto da una bella e luminosa gommalacca di colore giallo e l’etichetta è coperta da un cartoncino chiuso con un sigillo il quale all’interno ritrae la copia esatta dell’etichetta frontale. A tal proposito, un’altra particolarità è la scelta di cambiare etichetta ogni anno; questa del 2018 raffigura la topografia dell’isola.

Il vino appena versato nel calice presenta un interessante colore giallo paglierino carico con riflessi dorati. Al naso emana una nota floreale di ginestra, ma anche speziata che ricorda la salvia e il rosmarino e poi una nota agrumata e di frutta esotica; nel finale esprime tutta la sua mineralità. In bocca è sapido, fresco e minerale, un vino equilibrato e molto persistente, sembra che il sapore non voglia andarsene mai. Un vino di qualità eccellente.

La prima volta che ho assaggiato questo vino mi ha completamente stregato! Queste sono bottiglie da mettere in cantina e sono sicuro che tra qualche anno ci daranno ancora più soddisfazioni. Fantastico!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.